Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Capanne intitolazione strada
Precedente Home Su Successiva

 

Saluto del Presidente dell’Associazione “Amici di Don Quintino” di Sarsina, Massimo Scarani

29 agosto 2005 – Capanne - intitolazione strada a don Quintino Sicuro 

A nome delle Associazioni "Amici di don Quintino” di Sarsina, Melissano e Montegallo, desidero esprimere tutta la nostra intima soddisfazione per l'incontro di oggi e per chi ha pensato e avuto l'idea di dedicare qui una via a don Quintino Sicuro.

Proprio qui a Capanne dove Quintino giunse in abito di penitente, dopo vario peregrinare (nel lontano 20 giugno 1954, e dove venne con fiducia accolto e ospitato generosamente dal parroco don Berardo Casini, prima di prendere - col consenso del Vescovo di Sarsina, Carlo Bandini - stabile dimora a Sant' Alberico, l'eremo che si trova qui, sotto la parrocchia di Capanne e che Quintino curò con amore e ricostruì con passione fino al giorno della sua morte improvvisa avvenuta il 26 dicembre 1968.

Siamo fiduciosi che questa lodevole iniziativa, insieme alle tante altre che sono sorte in Puglia, nelle Marche e presso le Sezioni ANFI della Guardia di Finanza di tutt’Italia, onorerà e perpetuerà il ricordo di don Quintino nei luoghi dove è vissuto e dove ha dato straordinaria testimonianza di apostolato attivo, di preghiera e di laboriosità instancabile al servizio di Dio e del prossimo.

Desidero, pertanto, ringraziare di cuore l'Amministrazione Comunale di Verghereto e il Sindaco Fedele Camillini, i dirigenti della pro-loco di Capanne e il parroco don Berardo che hanno realizzato questa proposta e che noi tutti attendevamo vedere concretizzata da tempo.

Ringrazio il nostro Vescovo Antonio che ha subito accolto l'invito ad essere qui presente per la benedizione delle insegne stradali e per il sostegno che ci sta dimostrando nel prendersi cura a sostenere la causa di beatificazione in corso nelle sedi romane.

Un saluto riconoscente, tutto particolare, va agli amici di Melissano e di Montegallo che da tanti anni affrontano un viaggio così lungo e faticoso per venire quassù in pellegrinaggio ad onorare il loro santo conterraneo. Un saluto ai finanzieri, sempre amati da don Quintino, che sono qui rappresentati, nelle Sezioni ANFI di Porlezza, Olgiate Comasco, Dongo, Pavia, Predazzo, Rimini, Forlì e Chiavenna.

A tutti i presenti che ebbero la fortuna di conoscere don Quintino e a quanti desiderano seguirne gli insegnamenti e l'esempio, io chiedo di tenerne sempre viva e luminosa la memoria, perché presto la Chiesa tutta ne riconosca i meriti e le grandi virtù augurando che questa strada sia un domani chiamata “Via San Quintino”.

Grazie.

   

alcuni momenti della cerimonia