Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Fratel Vincenzo eremita
Precedente Home Su Successiva

 

Fratel Vincenzo eremita di S. Alberico
da 28 anni vive nel sacro eremo sul monte Fumaiolo
 fedele continuatore dell’opera di don Quintino Sicuro
di Massimo Scarani

 Quella dell’eremita è una vocazione un po’ particolare. Spesso richiama alla mente chissà quali immagini della storia e della letteratura, legata per lo più a quei monaci che si isolavano nel deserto a far digiuni e penitenza, Eppure non vi è forse nessuno che sia più socievole e aderente alla realtà umana quotidiana di chi con estrema umiltà e povertà sceglie di vivere nella solitudine e nel silenzio per poi offrire ai fratelli la ricchezza interiore del continuo colloquio della propria anima con il Signore.

Fratel Vincenzo è molto restio a parlare di sé, anzi non vuole assolutamente saperne di apparire sui giornali. Anche questa è una sua manifestazione di vera modestia e riservatezza. Egli non ha certo bisogno di pubblicità e neppure desidererebbe che si raccontasse la sua vita. Seguendo i consigli del suo predecessore, diffida di certi giornalisti che, in cerca soltanto di curiosità e stranezza, mettono in bocca ai loro intervistati parole che non hanno mai detto.

Sappiamo tuttavia che Vincenzo Minutello, 58 anni, è nativo di Racale, un piccolo centro delle Puglie poco distante da Melissano ( il paese di don Quintino Sicuro), e che, rispondendo alla chiamata del Signore, lasciò i genitori, i fratelli e il lavoro dei campi per raggiungere don Quintino a S. Alberico, attratto dall’esempio e dal desiderio di una vita totalmente consacrata all’amore di Dio e dei fratelli.

Quando il 20 giugno 1962 giunse per la prima volta su queste nostre montagne, l’Eremo era ancora una vecchia costruzione fatiscente e priva d’ogni conforto, don Quintino era stato ordinato sacerdote da appena sei mesi e fratel Vincenzo, già sulla trentina, aveva il fermo proposito di vivere fino in fondo la sua particolare vocazione religiosa.

Lo attendevano anni di durissimo lavoro, di penitenza e di preghiera intensa. Sotto la guida paterna e decisa di don Quintino avrebbe giorno per giorno imparato che senza fatica e senza vero sacrificio nulla di grande si conquista. Sempre silenzioso, docile e obbediente imparò da don Quintino il segreto di quella pace che solo Dio sa donare quando si è abbandonato il mondo per seguire la Sua strada.

Nell’autunno di quel primo anno insieme s’incamminarono a piedi per Lourdes, giungendo dopo quaranta giorni alla Santa Grotta: don Quintino per ringraziare la Beata Vergine d’aver raggiunto la meta del Sacerdozio e fratel Vincenzo per esser aiutato all’inizio della sua nuova vita di eremita.

Dal 1962 al 1966 furono portati avanti senza sosta, e superando difficoltà d’ogni genere, i principali lavori di ampliamento e ristrutturazione dell’Eremo, dall’allargamento del recinto esterno alla demolizione del vecchio edificio e alla ricostruzione del nuovo con l’aggiunta di un altro piano e di numerose cellette ben arredate.

Se oggi l’Eremo è diventato un centro di spiritualità frequentato da gruppi di religiosi e di laici che ogni anno desiderano tornare per ritirarsi in preghiera e meditazione, il merito è anche di fratel Vincenzo che insieme a don Quintino ha con pazienza e tenacia dedicato tutte le sue energie a quest’opera meravigliosa.

Dopo la morte improvvisa di don Quintino, dal 26 dicembre 1968, fratel Vincenzo è rimasto da solo a custodire l’Eremo e a continuare il generoso apostolato del suo predecessore, per il quale è ora in corso la causa di beatificazione, grazie ai riconosciuti meriti delle sue eroiche e straordinarie virtù.

La giornata di fratel Vincenzo è fin dalle prime luci dell’alba tutta dedicata alla preghiera e al lavoro. D’estate poi egli sacrifica ogni suo istante per adoperarsi nel migliore dei modi al servizio dei fratelli che vengono e sostano al Santuario sia per fuggire i rumori e il chiasso del mondo sia per ritrovare una dimensione più giusta della loro cita. Per ognuno fratel Vincenzo offre la sua premurosa ospitalità e sa dire quelle parole semplici e adeguate a rincuorare l’anima.

Chi, anche nell’imminenza del 29 agosto (festa di S. Alberico), avrà occasione di salire all’Eremo e incontrare l’Eremita, ritroverà il lui il discepolo di don Quintino con tutta la semplicità della anime grandi che in ogni cosa e in ogni gesto rivelano inaspettatamente quella sapienza che spesso non hanno le persone dotte ed erudite, perché il Signore ha voluto riservarla solo ai suoi prediletti, ai suoi “piccoli”.

Auguriamo quindi a fratel Vincenzo che per tanti anni ancora il Signore lo aiuti a mantenere accesa quella luce di fede e di speranza continuando così l’opera del Sacerdote-eremita che qui è vissuto e qui si è immolato per l’amore di Cristo e di tutti i fratelli.

 (dal Corriere Cenerate del 25 agosto 1990 Anno XXIII – N. 28, pag. 5)

(fratel Vincenzo con pellegrini di Melissano tra cui Antonia, la sorella di don Quintino)