Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Gemelli nel nome di d. Quintino
Precedente Home Su Successiva

 

Gemelli, nel nome di don Quintino
 Delibera approvata all’unanimità dai due Comuni

Melissano - “Comincia così una storia di fede, di speranza e di amicizia fra le Comunità di Melissano e Verghereto che, questi anni, ha saputo scrivere pagine autentiche di comune affetto all’eremita sacerdote di Sant’Alberico, don Quintino Sicuro”. E’ uno dei passaggi salienti della delibera per la formulazione ufficiale del gemellaggio tra i Comuni, appunto, di Melissano e Verghereto (centro in provincia di Forlì – Cesena), approvata lunedì pomeriggio in seduta simultanea. I due luoghi, infatti, sono altrettante tappe fondamentali della vita del finanziere che lasciò la divisa per vestire il saio francescano: il primo per avergli dato i natali, il secondo per averlo accolto permettendogli di esercitare il suo apostolato di fede.

Il 1° novembre del 1985 il Vescovo di Cesena Sarsina, Monsignor Luigi Amaducci, ne ha introdotto in sede diocesana la causa di beatificazione e Canonizzazione, processo che si è concluso il 28 agosto 1991. Nel 1993 gli atti processuali sono stati trasferiti a Roma, presso la Congregazione per le Cause dei Santi, in attesa di vederlo presto elevato, come si spera, all’onore degli altari.

E così, i due Consigli Comunali, con il desiderio di rafforzare questo filo invisibile di spiritualità profonda, quello di Melissano nella propria sede istituzionale, quello di Verghereto all’interno dell’Eremo di Sant’Alberico, a 1147 metri presso le balze sul Monte Fumaiolo, hanno sancito all’unanimità il gemellaggio ritenuto “un evento di grande significato politico, sociale, culturale ed economico. Intendimenti che trarranno maggiore alimento dal legame che già unisce le due comunità, la figura del servo di Dio, don Quintino Sicuro.

Il sindaco Roberto Falconieri rimarca che si tratta di un “sincero incontro tra due comunità unite nella preghiera e nell’impegno di seguire gli insegnamenti di don Quintino Sicuro sostenendo con forza il suo processo di beatificazione e le iniziative dell’Associazione “Amici di don Quintino”. Lo scambio di esperienze e la collaborazione tra i due paesi è un’esperienza unica ed importante”.

Il primo cittadino di Verghereto, Fedele Camillini parla di “un bell’evento per le due comunità intorno alla figura di don Quintino che ho avuto la fortuna di conoscere”.

At.Pa.

(dal Nuovo  Quotidiano di Puglia dell’8 novembre 2006, pag. 22).