Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Il Vescovo Lanfranchi a Melissano
Precedente Home Su Successiva

 

Il Vescovo Lanfranchi a Melissano

 

(S.E. Mons. Antonio Lanfranchi al suo arrivo in Associazione)

 La cittadinanza di Melissano, paese natale del Servo di Dio don Quintino Sicuro, ha avuto la gioia di avere la visita di S.E. Mons. Antonio Lanfranchi, Vescovo di Cesena – Sarsina.

Un dono di grazia e di riconoscenza alla fede sincera del Servo di Dio don Quintino SICURO e del testimone diacono Vincenzo MINUTELLO che dal 1954 al 2006, in silenzio, affidandosi alla divina Provvidenza, hanno ricostruito, consacrato e custodito l’eremo di S.Alberico nel territorio di Verghereto (FC).

Quintino e Vincenzo, figli di questa nostra terra salentina, il primo nato a Melissano nel 1920 ed il secondo a Racale nel 1932, sono un grande esempio di vita vissuta, tutta raccolta in Dio.

Due autentici testimoni della speranza cristiana che, in umiltà di servizio e con carità fraterna, hanno pregato incessantemente per la salvezza di tantissime persone, che si sono rivolte a loro chiedendo aiuto per benefici materiali e spirituali.

La presenza del Vescovo di Cesena in mezzo a noi è anche un riconoscimento a quanti, ogni anno, si recano sull’eremo per godere l’abbondanza del messaggio evangelico che quel luogo infonde nel profondo di ogni cuore, segno di pace, d’amore e di perdono.

Visita breve quella di Mons. LANFRANCHI che, accompagnato dal vice Postulatore per la Causa di Beatificazione, in corso in Vaticano, rev. don Ezio OSTOLANI, vuole condividere e conoscere le origini dell’eremita sacerdote che seppe rinunciare da finanziere ad una sicura carriera per donarsi totalmente a Cristo, e del suo compagno Vincenzo che dal 1968, anno della morte di don Quintino, è rimasto fedele custode del romitaggio sito a 1300 m. d’altezza sul Monte Fumaiolo.

S.E. Mons. Lanfranchi ha presieduto la Concelebrazione Liturgica che si è tenuta lunedì 5 giugno 2006 nella Chiesa Parrocchiale Beata Vergine del Rosario, giorno commemorativo dell’anniversario di Battesimo di don Quintino.

   

   

(Momenti della Celebrazione Liturgica)