Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Attualità
Precedente Home Su Successiva

 

Don Quintino: Attualità di una testimonianza

di Don Giuliano Santantonio

parroco di Melissano e assistente spirituale dell’Associazione 

Sono trascorsi 35 anni dalla scomparsa di don Quintino Sicuro ed il tempo che passa, piuttosto che sbiadire la sua memoria, ci consente di scoprire il fascino dell’attualità e ha la forza propositiva della testimonianza, umile, ma non per questo trascurabile, che egli ci ha dato.

Di primo acchito, infatti, l’immagine di questo giovane eremita ci può apparire fuori dal tempo, quasi rivelazione di una fuga dalla realtà alla ricerca di un Dio che non può essere trovato che fuori da questo mondo.

A parte il fatto che Dio, il nostro Dio, è un dio incarnato, che ha scelto di camminare con gli uomini dentro il tempo e la storia umani, laddove dobbiamo cercarlo e possiamo incontrarlo; ma, se fosse vero che la scelta eremitica di don Quintino è stata una fuga dal mondo, non potremmo più spiegarci il senso del suo farsi prete, giacché il prete è per la sua natura mandato agli uomini e collocato nel cuore della storia.

Don Quintino invece con la sua scelta eremitica indica a noi, gente della strada, una sapienza, antica e sempre nuova, dalla quale dipende la vera conoscenza del mondo ed una positiva relazione con esso.

L’eremita infatti è un uomo che, per rileggere nelle sue giuste dimensioni e nel suo più autentico significato la realtà mondana, prende per un momento le distanze da essa: impara in questo modo a non coglierla più come concorrente di Dio; relativizzandola, diventa libero di fronte ad essa e può quindi ricostruire con essa una relazione ordinata, cioè un rapporto scevro dal pericolo della idolatria.

Pertanto, pur non scegliendo l’eremo come stato di vita, tutti noi, assetati d’infinito e cercatori del senso della nostra esistenza, dovremmo concederci spazi di eremo per recuperarci ad una positiva, quanto fruttuosa collocazione dentro questo mondo e questo tempo.

In questo senso don Quintino è ancora vivo in mezzo a noi per mostrarci la via di una vera umanizzazione.

Melissano, dicembre 2003

Ultimo aggiornamento: 12-10-07