Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 1961-1969
Precedente Home Su Successiva

 

1961
  • 27 agosto: è ammesso al suddiaconato nella Basilica Cattedrale di Sarsina;

  • 30 novembre: è ordinato diacono dal Cardinale Lercaro.;

  • 23 dicembre: nella chiesa di Balze, il Vescovo Bandini gli conferisce il Presbiterato.

  • Il giorno di Natale celebra la prima Messa solenne a Balze ed il 26 dicembre alle Capanne.

1962
  • 1° gennaio: si reca all'Eremo di Montegallo per celebrare la Messa;

  • 6 gennaio: è a Melissano per la Messa solenne e per incontrarsi con la famiglia e i compaesani;

  • 20 giugno: accompagna a S. Alberico il conterraneo Vincenzo Minutello di Racale, che ha espresso il desiderio di seguirlo nell'esperienza dell'Eremo;

  • 11 ottobre / 28 novembre: con fratel Vincenzo parte a piedi in pellegrinaggio alla volta di Lourdes per sciogliere il voto fatto alla Madonna qualora fosse riuscito a diventare sacerdote.

1963
  • Inizia i lavori di ristrutturazione dell'Eremo di S. Alberico, demolendo il vecchio ospizio, e lo ricostruisce più grande, ampliando lo spazio attorno alla casa e abbellendo la chiesa con arredi artistici e decorosi.

1966
  • 31 luglio: il Vescovo Bandini consacra il nuovo Altare;
  • 2/7 agosto: Mons. Serafino Zardoni, del Seminario Regionale di Bologna, tiene il primo corso di esercizi spirituali a S. Alberico, dove continuano tuttora in estate.
1968
  • Verso la fine dell'anno, quasi presagisse la fine, don Quintino si reca a Melissano per salutare i famigliari e gli amici prima del Natale. Nel viaggio di ritorno sosta anche a Montegallo. E' a Roma dal 10 al 15 dicembre per un ritiro all'Abbazia delle Tre Fontane. A Natale è a Balze ove celebra la Messa di mezzanotte, dopo la quale resta a lungo inginocchiato in preghiera davanti al Santissimo, chiede di confessarsi e confida al parroco di sentire di aver terminato la sua missione terrena...

  • 26 dicembre: al mattino, recatosi in cima al Monte Fumaiolo per benedire i nuovi impianti sportivi, è colpito da infarto dopo aver faticosamente spinto l'auto che lo trasportava sulla strada ghiacciata, e muore.

  • 28 dicembre: le solenni esequie celebrate dal Vescovo di Cesena e Amm. Ap. di Sarsina Augusto Gianfranceschi e dal Vescovo emerito Mons. Carlo Bandini. Viene provvisoriamente tumulato nel piccolo camposanto della Falera di Balze.

1969
  • 31 maggio: il corpo viene traslato a S. Alberico e deposto accanto all'Eremo, nella roccia che egli stesso aveva scavato per ricordare la grotta di Lourdes.


Ultimo aggiornamento: 16-11-07