Home Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Biografia
Home Successiva

 

1920-1947
1948-1960
1961-1969
Post Mortem
Albero genealogico

Profilo biografico.

Don Quintino Sicuro nacque a Melissano (LE) il 29 maggio 1920. Nel 1939 si arruolò nel Corpo della Guardia di Finanza diventando, nel 1946, vicebrigadiere. Visse il suo servizio distinguendosi per "sacrificio ed abnegazione". Da questo stato, Dio lo chiamò al suo servizio mediante un radicale mutamento della vita. Povertà e imitazione di Cristo furono una sua libera scelta, che realizzò a 27 anni fra l'ammirato stupore della gente, in modo originale, deciso, coerente e gioioso. Devotissimo alla Madonna, affidò alla sua guida materna il cammino non facile. La redenzione piena della sua giovinezza fece tappa prima a Treia (MA), poi negli eremi di Montegallo, Monte Carpegna (AP) e S. Alberico (FO) ove realizzò la sua più alta aspirazione: il sacerdozio. Fece del suo eremo un centro di accoglienza e spiritualità per tanti sacerdoti e laici, che salgono lassù in cerca di pace e di verità. Nell'ansia di portare Cristo ai fratelli, visse donando e donandosi fino alla morte che lo colse improvvisa sul valico del Monte Fumaiolo, in un ultimo slancio di generosità, il 26 dicembre 1968. Il 1° novembre 1985 il Vescovo di Cesena-Sarsina introdusse la Causa di Beatificazione e Canonizzazione del Servo di Dio, processo che si è concluso il 28 agosto 1991. Il 27 maggio 1993 gli atti processuali sono stati consegnati alla Congregazione dei Santi in Roma. Il 16 dicembre dello stesso anno presso il Comando Generale della Guardia di Finanza in Roma, si è aperta la fase Vaticana dell'iter di indagini che porterà al riconoscimento delle virtù eroiche e della santità di vita del Servo di Dio.

Cronologia della vita del servo di Dio

1920-1947      nascita - studi - carriera militare nella Guardia di Finanza.

1948-1960      crisi spirituale - frate a Treia - eremita negli eremi di Montegallo,             Monte Carpegna e Sant'Alberico.

1961-1968      sacerdote eremita all'eremo di Sant'Alberico.

Dopo la sua morte

Ultimo aggiornamento: 03-01-08