Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Intitolazione Porlezza
Precedente Home Su Successiva

 

INTITOLAZIONE SEZIONE A.N.F.I. DI PORLEZZA

IL FINANZIERE EROICO E SANTO

Soci della sezione A.N.F.I. di Porlezza

Porlezza, 28 settembre 1997

INTITOLATA LA SEZIONE DI PORLEZZA

AL V. BRIG. DON QUINTINO SICURO

La cerimonia alla Madonna del Rezzo – L’omaggio dei finanzieri delle sezioni di Lecco, Como, Algiate Comasco, Menaggio, Dongo, Gravedona, S. Fedele d’Intervi

Il 28 settembre 1997, la Sezione dei finanzieri in congedo di Porlezza ha celebrato presso la locale chiesa della Madonna del Rezzo la festa di S. Matteo, patrono del Corpo della Guardia di Finanza, ricordando i finanzieri caduti in guerra e in pace. In tale circostanza si è proceduto all’intitolazione della Sezione al vice brigadiere don Quintino Sicuro sacerdote ed eremita e alla benedizione della bandiera. Madrina della cerimonia la signora Carla Robbiati, ved. del finanziere Giacinti. La S. Messa è stata officiata dal reverendo don Rosangelo Biella, cappellano capo militare della 6^ Legione Guardia di Finanza di Como.

Hanno partecipato alla manifestazione le Sezioni ANFI con bandiera di Lecco, Como, Olgiate Comasco, Menaggio, Dongo, Gravedona e S. Fedele d’Intervi; il consigliere nazionale per la Lombardia, cav. uff. Stanislao Di Pascale; il Comandante del 2° Gruppo della Guardia di Finanza di Como, Magg. Augusto Battaglini; il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Menaggio, Cap. Augusto Piccagli; sottufficiali e militari del Corpo di Oria Val Solda, Menaggio e Dongo; il sindaco di Porlezza e una rappresentanza dell’Associazione "Amici di don Quintino" proveniente da Melissano (Lecce).

Momenti della cerimonia

Il raduno dei partecipanti, compresi soci e simpatizzanti dell’ANFI di Porlezza, è avvenuto nel piazzale del centro civico comunale. Il corteo accompagnato dalla Filarmonica S. Cecilia di Porlezza ha raggiunto la chiesa della Madonna del Rezzo, ove il presidente della Sezione s.ten.t.o. Renzo De Bianchi, ha tenuto un discorso evidenziando, in particolare, la figura di don Quintino Sicuro. Ecco come lo stesso Renzo De Bianchi illustra questa figura.

"Chi è don Quintino: un personaggio che ha vissuti due esperienze di vita: soldato in Fiamme gialle e sacerdote eremita. E’ nato a Melissano di Lecce il 29 maggio 1920 e prestò servizio nella Guardia di Finanza dal 1939 al 1947.

Partecipò alle operazioni di guerra sul fronte greco – albanese con il 1° Battaglione mobilitato del Corpo che operò in prima linea a fianco degli Alpini della Divisione Julia e bersaglieri. L’otto settembre 1943 finì nel massacro dell’isola di Cefalonia, allora presidiata dalle truppe italiane. Avendo il presidio italiano rifiutato l’intimazione di resa imposta dai tedeschi fu attaccato e sopraffatto. I superstiti furono barbaramente passati per le armi. Quintino Sicuro prigioniero e rinchiuso in un capanno per essere fucilato all’alba riuscì a fuggire miracolosamente.

Non mancò al finanziere Quintino l’esperienza drammatica della guerra di liberazione. Fece parte delle Squadre d’azione patriottiche e si distinse in difesa degli oppressi, in aiuto ai più bisognosi e fu decisamente ostile ad ogni forma di violenza ed incapace di fare del male. Venne arrestato in un posto di blocco tedesco e condotto nelle carceri di Brescia da dove riuscì a fuggire. Il 31 agosto 1947 lasciò la divisa con il grado di vicebrigadiere per avvicinarsi alla vita francescana ma nel suo animo si fa sempre più spazio alla vocazione eremitica.

Frate francescano a Treia di Macerata Marche, approdò successivamente all’eremo di Montegallo (Ap) e successivamente all’eremo di S. Alberico di Balze di Verghereto(Forlì), oasi si solitudine a ridosso del Monte Aquilone in una gola dell’Appennino romagnolo. Qui realizzò la sua più alta aspirazione: il sacerdozio. Morì il 26.12.1968 sul Monte Fumaiolo.

Nel 1993 si è aperta, dopo quella diocesana, la fase vaticana di una serie di indagini per la sua beatificazione. Il suo nome è inciso sul monumento elevato a Dongo alla memoria dei finanzieri caduti in servizio, in ricordo dei suoi primi servizi nei reparti della Guardia di Finanza della Val Chiavenna".

Foto ricordo delle sezioni A.N.F.I. intervenute alla cerimonia

 

Ultimo aggiornamento: 16-11-07