Home Su Commenti Notizie Link Ricerca Comunicazioni
 Una stella Polare
Precedente Home Su Successiva

 

Una stella Polare

di Giuseppe Carassanesi

segretario Associazione "Amici di don Quintino" di Montegallo

Si dice sempre che, nonostante tutto, nel mondo ci sia più bene che male. Se così non fosse, il vivere insieme non sarebbe possibile e tutto diventerebbe più difficile: "i lupi annienterebbero gli agnelli".

Ciò è senz’altro vero, ma il compito di ognuno di noi, comunque, rimane quello di aumentare la percentuale del bene sul male per garantire un mondo migliore.

L’unico modo per farlo è la coerenza tra il nostro comportamento quotidiano ed i valori in cui crediamo senza inutili infingimenti ed ipocriti formalismi. A tal proposito una frese di Don Quintino, in gran risalto sulle altre scritte nell’Eremo di San Francesco, a Corbara, ci ricorda: "l’amore non è sentimento, ma volontà", essa è equivalente all’altra. Altrettanto significativa è: "non è difficile voler bene, lo è vivere bene".

Chi vuol essere, infatti, in pace con se stesso e con gli altri, al di là delle diverse fedi religiose, deve porsi come binomio di riferimento la legge umana e divina. Non esistono alternative! In tal senso, don Quintino, nelle sue diverse esperienze di vita (come finanziere, come eremita, come sacerdote) può essere considerato un esempio, un vero paradigma su cui tutti possono modellarsi ed una luminosa stella polare in grado di guidarci nell’impervio cammino della vita.

Saluti e Auguri dagli amici di Montegallo.

Montegallo, dicembre 2003

Ultimo aggiornamento: 12-10-07